2 giugno, Bonaccini a rimorchio Schlein perde cultura istituzionale

2 giugno, Bonaccini a rimorchio Schlein perde cultura istituzionale

“Conosco personalmente il presidente dell’Emilia-Romagna Stefano Bonaccini e so che ha una cultura istituzionale. Per questo mi stupiscono le sue dichiarazioni di oggi in cui rivendica la scelta del Pd di svolgere una manifestazione di partito il 2 giugno. Dopo che per lungo tempo hanno strumentalizzato il 25 aprile, che non è una festa del Pd né un feticcio ideologico comunista, è surreale che Bonaccini, politico di spessore istituzionale, vada a rimorchio delle idee creative di Elly Schlein per occupare abusivamente anche la data del 2 giugno. Centra qualcosa la sua candidatura? Lo fa forse per garantirsi qualche voto in più? Gli italiani meritano rispetto, ma temo che i vertici del Pd non ne abbiano nemmeno per i propri militanti”.
Lo dichiara in una nota la senatrice di Fratelli d’Italia Domenica Spinelli, segretario della commissione Affari costituzionali.
Condividi