25 novembre: per ‘Non una di meno’ la violenza sulle donne diventa spot alla propaganda anti israeliana

25 novembre: per ‘Non una di meno’ la violenza sulle donne diventa spot alla propaganda anti israeliana

25 novembre: per ‘Non una di meno’ la violenza sulle donne diventa spot alla propaganda anti israeliana

“Oggi si celebra la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Poteva e doveva essere un giorno in cui unire tutti gli italiani contro il dramma del femminicidio. Purtroppo così non è. E spiace constatare che c’è chi approfitta del 25 novembre per fare lotta politica. ‘Non una di meno’, l’associazione che organizza il corteo contro la violenza di genere, non perde occasione per fare sterili polemiche e politicizzare un evento così importante. Le organizzatrici fanno propaganda anti israeliana: per loro lo Stato italiano sarebbe complice di Israele nel ‘genocidio’ dei palestinesi. Un’occasione persa e una brutta figura che le paladine del cosiddetto ‘transfemminismo’ potevano risparmiarsi”.  Lo dichiara la senatrice di Fratelli d’Italia, Annamaria Fallucchi, componente della commissione bicamerale sul Femminicidio.

Condividi