Agricoltura. Giovani al centro della nostra visione

Agricoltura. Giovani al centro della nostra visione

“Se è vero come vero che questo governo è distratto e dormiente sull’agricoltura, come dice l’opposizione, pensate come erano quelli precedenti. Un semplice dato: con noi le risorse a disposizione sono doppie rispetto al passato. In 20 anni l’Ue, con la complicità partiti che hanno governato, hanno sperperato ingenti somme di denaro. La Pac si è trasformata da sostegno a questo settore in uno strumento di ideologia verde pseudo ecologista. Hanno trasformato gli agricoltori in giardinieri. Noi siamo intervenuti tempestivamente, consapevoli di avere un gap rispetto ad altre nazioni. Il provvedimento che approviamo oggi non è risolutivo per l’agricoltura giovanile, ma questa è la cornice all’interno della quale esiste una nuova visione. Mettiamo al centro i giovani e il loro futuro. Ci stanno a cuore i nostri ragazzi e bisogna riconoscere che se oggi non c’è un passaggio generazionale tra genitori e figli è perché i genitori lo temono. Su questo bisogna agire e non sulla dittatura green: bisogna sostenere il reddito degli agricoltori. E, se non vogliamo mangiare solo grilli nei prossimi anni, dobbiamo capire che deve esserci chi produce cibo di qualità. Il governo Meloni mette l’agricoltura al centro del villaggio, dimostrando a Bruxelles che un’agricoltura diversa esiste”.

Lo dichiara in aula il senatore di Fratelli d’Italia, Luca De Carlo, presidente della commissione Agricoltura di Palazzo Madama.

Condividi