Aifa. Salutiamo Palù e lo ringraziamo per il “lavoro” svolto

Aifa. Salutiamo Palù e lo ringraziamo per il “lavoro” svolto

“Grande rispetto  per la figura di Giorgio Palù e per la sua  rilevanza scientifica e accademica, ma sinceramente desta  grande perplessità  l’atto compiuto oggi in barba alla fiducia rinnovatagli sia dal Governo che dal ministro Schillaci quale Presidente della nuova Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa)  e cioè di quell’agenzia profondamente riformata  con un percorso parlamentare iniziato già nei primi mesi di questa legislatura. Riforma che oggi trova appunto pieno compimento e attuazione nell’indicazione di tutte le figure della nuova governance con a capo proprio lo stesso Palù, al quale, nella sua figura di presidente oggi nella riformata AIFA si aggiungono poteri di governo e di rappresentanza legale che precedentemente gli venivano negati.  Proprio per questo sorprende ancora di più una tale decisione arrivata proprio nel momento in cui il governo gli assegna un ruolo così fondamentale che probabilmente  però non è stato sufficiente per il professor Palú, tanto che non ha trovato niente di meglio da fare che sbatterci la porta in faccia. Il tema sarebbe la durata dell’incarico che a suo dire non lo soddisfa, peccato che gli sfugga che il contratto da lui richiesto è di una durata  non consentita dall’attuale normativa. Non possiamo dunque far altro che pensare che sia stato mal consigliato da probabili cattive frequentazioni di questi ultimi giorni, arrivate certo successivamente alle interlocuzioni avute con il governo e con il ministro Schillaci. E come se non fosse abbastanza il presidente fa addirittura riferimento al precedente incarico di 5anni conferitogli dall’allora ministro Speranza,  incarico che lo vedeva però solo come illustre spettatore delle decisioni altrui relegato ad un inesistente ruolo. A questo punto non possiamo fare altro che  prendere atto della sua volontà, salutandolo con tutto il rispetto che merita, accogliendo con grande rapidità il suo invito a nominare una persone capace di interpretare il ruolo della nuova Aifa”. Lo ha detto il Senatore Franco Zaffini, Presidente Commissione Salute e Lavoro del Senato.

Condividi