Alluvione Romagna: visita Figliuolo nel comune di Brisighella, annunciata nuova ordinanza su rimborso danni

Alluvione Romagna: visita Figliuolo nel comune di Brisighella, annunciata nuova ordinanza su rimborso danni

Alluvione Romagna: visita Figliuolo nel comune di Brisighella, annunciata nuova ordinanza su rimborso danni

“Ringrazio il generale Figliuolo non solo per essere venuto a verificare personalmente la situazione post -alluvione a Brisighella,  ma anche per aver dimostrato in questi mesi grande competenza, pragmatismo e capacità di ascolto. In ogni ordinanza della struttura commissariale emessa era sottinteso il concetto che qualsiasi aspetto non considerato sarebbe stato oggetto di ordinanze successive. E anche oggi il generale Figliuolo, nel punto stampa organizzato nel nostro palazzo municipale, ha annunciato che è in emanazione un’ulteriore ordinanza tesa a recepire le richieste dei privati e delle aziende al fine di semplificare le richieste di rimborso dei danni. Un’ordinanza che affronta molte questioni: dal togliere il limite all’edilizia libera, al problema di Invitalia che non recepisce le FAQ alle ordinanze fino alla necessità di snellire le procedure per le aziende agricole, in cui insistono le tante frane che hanno colpito le colline Romagnole, adottando le stesse modalità seguite per i lavori pubblici. Durante la conferenza stampa, è stato affrontato anche il problema della linea ferroviaria Firenze-Faenza che oggi viene interrotta ad ogni allerta meteo causa le tante colate, molte private, presenti sulla tratta. A tale proposito Figliuolo ha dichiarato di essere già intervenuto e che tali frane di versante saranno prese in carico, attraverso un emendamento di governo, e saranno ripristinate con risorse della struttura commissariale. Esprimo, quindi, grande soddisfazione per la soluzione individuata, perché permetterà a tutti gli abitanti della vallata di poter tornare ad usufruire della linea Faentina come era precedentemente all’alluvione”.
Lo dichiara la senatrice di Fratelli d’Italia Marta Farolfi.
Condividi