Autonomia. Esponenti di sinistra in piazza? Spero spieghino che l’hanno voluta loro

Autonomia. Esponenti di sinistra in piazza? Spero spieghino che l’hanno voluta loro

“Apprendo che le forze politiche di sinistra scenderanno in piazza domani, a Bari, contro l’autonomia. Buona notizia. Per coerenza, infatti, sono convinto che spiegheranno ai pugliesi che l’autonomia è stata introdotta con la modifica del titolo V della Costituzione dal governo D’Alema al quale loro aderivano sentitamente. Sono convinto, inoltre, che illustreranno l’articolo 1, comma 571, della Legge Finanziaria 2014 con il quale il governo Letta rendeva attuative le procedure per l’autonomia”. Lo dichiara in una nota il senatore Ignazio Zullo, capogruppo di Fratelli d’Italia in commissione Lavoro e Sanità. “Non perderanno certamente occasione – prosegue – per illustrare la pre-intesa sull’autonomia dell’Emilia Romagna sottoscritta il 28 febbraio 2018 dall’allora premier Gentiloni e il presidente Bonaccini che non è stata ritirata e, quindi, secondo le norme transitorie del decreto Calderoli proseguirà il suo corso”. “E ancora – aggiunge Zullo – spero nella presenza in piazza del presidente Emiliano, così che possa illustrare la Delibera di Giunta Regionale 24 luglio 2018 numero 1358 avente come oggetto la redazione di una proposta di iniziativa per la determinazione di forme e condizioni particolari di autonomia della Regione”. “Se poi c’è qualche lombardo, sempre di sinistra, potrà sicuramente far notare che il Pd ha sostenuto con il proprio favore il referendum sull’autonomia tenutosi in Lombardia”, osserva. “Non mancherà certamente, tra i manifestanti, qualche grillino seguace di Conte per parlare del contratto di Governo Conte 1 tra Lega e Movimento 5 Stelle che prevedeva l’autonomia. Sicuramente – conclude Zullo – la coerenza domani in piazza trionferà, ne sono certo”.

Condividi