CHICO FORTI. A SINISTRA DIRITTI UMANI A GIORNI ALTERNI

CHICO FORTI. A SINISTRA DIRITTI UMANI A GIORNI ALTERNI

“Le polemiche di tutti i partiti di sinistra sul rientro in Italia di Chico Forti sono contraddittorie, discriminanti e dimostrano ancora una volta il doppiopesismo di chi sventola la bandiera dei diritti umani a giorni alterni. Fu lo stesso Di Maio nel 2020, allora Ministro degli Esteri, ad annunciare con grandi proclami l’impegno del governo Conte nel sostenere la richiesta del condannato di avvalersi dei benefici previsti dalla CEDU per scontare la pena in Italia e quindi riportarlo nella madrepatria, salvo poi con tutta evidenza far naufragare la trattativa. Giorgia Meloni, invece, ha mantenuto l’impegno ed è riuscita dove altri hanno solo fallito. Chico Forti ha già scontato la sua pena in un carcere americano per 24 anni e ha il diritto di rivedere la madre quasi centenaria dopo tutto questo tempo. Quando si racconta di essere dalla parte di chi vuol garantire i diritti dei detenuti lo si deve fare sempre, e non solo, ad esempio, per ex terroristi che si sono rifugiati all’Estero, non si sono mai pentiti e che addirittura vengono a raccontarci la loro storia come le gesta di grandi eroi da plaudire e a cui ispirarsi.”
Lo scrive in una nota la Sen. Cinzia Pellegrino, Capogruppo di Fratelli d’Italia per la Commissione straordinaria per la tutela e la promozione dei diritti umani del Senato.
Condividi