Concorrenza, da governo compromessi al ribasso, cancelli Reddito cittadinanza

Concorrenza, da governo compromessi al ribasso, cancelli Reddito cittadinanza

“Questo ddl Concorrenza, e le norme
riguardanti il settore dei balneari, e’ frutto di un
accordicchio e di compromessi al ribasso. Ed a differenza
della Spagna o della Germania che tutelano le loro
produzioni e la loro economia, l’Italia per l’ennesima volta
agisce sotto dettatura dell’Ue subendone i diktat. E in
particolare nel comparto dei balneari l’Italia rinuncia alle
sue specificita’, al patrimonio delle nostre spiagge per
metterle nelle mani delle multinazionali e dei loro
interessi. Piuttosto, vorrei proporre al governo di mettere
da parte queste riforme di Serie C e di farne una davvero
seria e cioe’ di cancellare il reddito di cittadinanza
investendo queste risorse nelle politiche attive del lavoro,
nelle imprese e nell’educazione dei giovani al lavoro.
Fratelli d’Italia stara’ sempre dalla parte dell’Italia,
degli italiani e delle imprese che vogliono lavorare per far
crescere la nostra Nazione. Mi auguro che il governo abbia
finalmente il coraggio di fare lo stesso”. Lo ha dichiarato
il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi,
segretario della commissione Finanze e Tesoro nel corso del
suo intervento in Aula sul ddl Concorrenza.

Condividi