Contanti: Ue smentisce psicodrammi della sinistra

Contanti: Ue smentisce psicodrammi della sinistra

“L’accordo raggiunto da Parlamento Europeo e Consiglio sul pacchetto di norme antiriciclaggio, mostra ancora una volta come gli allarmi sbandierati dalla sinistra si rivelino falsi e non basati su fatti. La nuova normativa fissa infatti il tetto ai pagamenti in contanti a 10 mila euro, come più volte proposto da Fratelli d’Italia nella passata legislatura. Sempre grazie al Governo Meloni, nella legge di Bilancio 2023, il tetto è stato alzato a 5mila euro. Una decisione che ha scatenato la sinistra che ha accusato, a più riprese, il Governo di voler facilitare l’evasione. Questa decisione dell’Ue dimostra, come detto più volte anche dal Presidente Meloni, che non c’è correlazione tra evasione e circolazione del contante. L’evasione si combatte introducendo un fisco più equo, un rapporto tra Stato e contribuente più trasparente e collaborativo, cosa che il Governo sta mettendo in atto. Tutto il resto rappresenta una polemica sterile”.
Lo dichiara in una nota il senatore di Fratelli d’Italia, Nicola Calandrini, presidente della 5a Commissione Bilancio
Condividi