CORONAVIRUS: RAUTI, ‘CONTE VUOLE MANI LIBERE SU DESTINO ITALIA’

Con l’informativa al Senato – e non attraverso le comunicazioni – sulle iniziative del governo per fronteggiare l’emergenza da Covid-19, il presidente del Consiglio impedisce al Parlamento di discutere e dare un mandato al governo sulla posizione dell’Italia al prossimo Consiglio europeo. Lo ha sostenuto in aula a palazzo Madama, la senatrice di Fdi, Isabella RAUTI. “Le comunicazioni e il relativo dibattito – ha aggiunto – avrebbero rafforzato il ruolo del presidente Conte in Europa, che avrebbe avuto un mandato.

Il governo invece vuole tenersi le mani libere ma quando si trattano gli interessi nazionali, non si hanno mai le mani libere. Il Parlamento non è un set, ma il luogo del confronto e della democrazia parlamentare”. “Qui in Parlamento occorreva fare chiarezza sulle condizionalità leggere o pesanti, esistenti o inesistenti” del Mes e “sull’accordo raggiunto dall’Eurogruppo, le cui conclusioni riguardano il destino economico dell’Italia. Non è una questione superflua o marginale ma di grande spessore, visione e scelta politica. Sfuggire al confronto parlamentare fa male al ruolo del presidente del consiglio ma, soprattutto, ma fale al Paese”, ha concluso RAUTI.

Condividi