Corruzione. Pd eviti di guardare pagliuzza nell’occhio altrui

Corruzione. Pd eviti di guardare pagliuzza nell’occhio altrui

“Appalti, corruzione, turbativa d’asta. E ancora: favoreggiamento della criminalità organizzata di stampa mafioso in cambio di sostegno elettorale. Vicende alquanto fosche, che in un’ideale linea rossa uniscono pezzi della classe dirigente del Pd locale nel Sud. Sia chiaro, spetta soltanto alla magistratura fare luce e giudicare. Ma intanto ritengo sia necessario, da parte del Pd, immergersi in un bagno d’umiltà evitando, non appena arriva un avviso di garanzia, di guardare la pagliuzza nell’occhio altrui e di occuparsi, piuttosto, della trave nel proprio occhio. Il problema di classe dirigente al Nazareno ce l’hanno in casa”.
Lo dichiara il senatore Raffaele Speranzon, vicecapogruppo vicario di Fratelli d’Italia.
Condividi