Costa Jonica, sinergia istituzionale per legalità e sostegno ai pescatori

Costa Jonica, sinergia istituzionale per legalità e sostegno ai pescatori

Il senatore di Fratelli d’Italia Ernesto Rapani ha recentemente fatto fronte alla questione della pesca illegale sulla Costa Jonica, mettendo in luce l’efficace collaborazione tra le istituzioni e l’importanza di una filiera istituzionale funzionante. “Ribadisco il mio impegno nella lotta all’illegalità, particolarmente rilevante nel settore della pesca, dove spesso i pescatori si trovano costretti a operare al di fuori dei confini legali per garantire il sostentamento delle loro famiglie”, ha detto Rapani. In risposta a questa problematica, il senatore ha sollecitato un intervento congiunto delle autorità regionali e nazionali. “Attraverso una stretta collaborazione con l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Calabria e il coinvolgimento del consigliere regionale Pasqualina Straface, è stato avviato un processo volto a ottenere un decreto ministeriale che consenta la pesca controllata del bianchetto sulla Costa Jonica”, ha spiegato. “Tale iniziativa non solo garantisce la legalità dell’attività di pesca, ma contribuisce anche a proteggere le risorse ittiche locali e a sostenere l’economia della Regione”. Rapani ha evidenziato il duro lavoro svolto dai pescatori locali e ha sottolineato l’importanza di fornire loro la possibilità di operare nella legalità, senza dover ricorrere a pratiche illegali per sopravvivere. “L’obiettivo – ha osservato – è quello di creare un ambiente favorevole in cui i pescatori possano svolgere la propria attività in modo trasparente e sostenibile. Esprimo fiducia nel successo di questa iniziativa e assicuro che continuerò a lavorare instancabilmente per garantire il suo completo sviluppo. La collaborazione tra le istituzioni, insieme all’impegno dei pescatori stessi, rappresenta una potente forza per la promozione della legalità e il sostegno alle comunità locali lungo la Costa Jonica”, ha concluso Rapani.

Condividi