CUBA, SERVE UNA NUOVA EUROPA CONTRO VIOLAZIONI REGIME

CUBA, SERVE UNA NUOVA EUROPA CONTRO VIOLAZIONI REGIME

“La negazione dei diritti umani, delle libertà personali e della democrazia elettorale a Cuba sono certificati da numerosi rapporti delle Ong. Lo stesso Alto Rappresentante dell’Ue nella sua ultima visita a Cuba aveva riscontrato le contraddizioni tra l’impegno preso dal regime castrista con l’accordo siglato con l’Europa nel 2016 e la situazione di fatto nell’isola. Soprattutto, nonostante la pioggia ingente di denaro che nel corso di questi decenni l’Occidente ha destinato alla Cooperazione nazionale con L’Avana, l’isola è sempre più povera, priva di medicine, beni di prima necessità, case ed energia elettrica. Dove finiscono allora tutti quei soldi? Inoltre, le liaisons dangereuses con Cina e Russia posizionano Cuba in uno scacchiere geopolitico avverso all’Europa ed alla democrazia, dato quest’ultimo ulteriormente confermato dall’invio di giovani cubani al fronte contro l’Ucraina e dall’attuale trattativa tra Pechino e L’Avana per la realizzazione di una struttura di addestramento ed intelligence a 100 miglia dalla costa della Florida. Mi auguro, perciò, che le prossime elezioni Europee portino a Bruxelles una maggioranza più sensibile al tema dei diritti umani e meno disposta a concedere denaro ad un regime che in tutti questi anni ha ridotto alla fame il proprio popolo con l’ingordigia e la repressione”.
Lo dichiara la Senatrice, Cinzia Pellegrino, capogruppo per Fratelli d’Italia della Commissione Diritti Umani durante la conferenza “Libertà, unità e progresso per la democrazia a Cuba”.
Condividi