Ddl Zan, da FdI emendamento salva sport femminile

Ddl Zan, da FdI emendamento salva sport femminile

“Il ddl Zan introduce il concetto di genere sessuale autopercepito che prescinde dal sesso biologico. Analoghe leggi in altri Stati hanno aperto alla possibilita’ che uomini transessuali, o che si percepiscono come donne, possano gareggiare contro le donne nelle competizioni sportive. Anche in quelle di contatto come il rugby, il pugilato, le arti marziali. Situazione che porterebbe alla fine dello sport femminile. Per questo Fratelli d’Italia ha presentato un emendamento, a mia prima firma, per tutelare le atlete e lo sport femminile. In particolare l’emendamento prevede che: ‘al fine di garantire l’incolumita’ e la sicurezza fisica degli atleti ed il corretto spirito agonistico, e’ consentito alle associazioni sportive, alle federazioni ed agli enti di promozione sportiva di organizzare competizioni riservate ad atlete di sesso femminile come risultante dal certificato di nascita’. Una norma di buon senso che ci auguriamo sia sostenuta da tutte le forze politiche”.

Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Giovanbattista Fazzolari, responsabile nazionale del programma di FdI.

Condividi