Difesa, ritiro da Emirati arabi è sonoro ceffone. Draghi intervenga per difendere prestigio missioni

Difesa, ritiro da Emirati arabi è sonoro ceffone. Draghi intervenga per difendere prestigio missioni



“Trova ora conferma sulla stampa italiana quanto già emerso,nei giorni scorsi, su quella straniera, ovvero che i militari italiani sono costretti a lasciare la  base aerea di Al Minhad negli Emirati Arabi Uniti. Premesso che tale scalo aereo è stato estremante importante, dal 2003 ad oggi, per il trasferimento degli uomini ed il trasporto dei materiali da e per l’Afghanistan ;
l’aeroporto di Al Minhad viene utilizzato  come base avanzata per le missioni in Iraq e in Kuwait e rappresenta un appoggio logistico  strategico per le operazioni italiane nel Golfo Persico. Secondo alcune fonti , i nostri aerei avrebbero già lasciato la Base militare , per lo “sfratto” intimato dall’Emiro – il Principe Mohammed Bin Zayed  – entro il prossimo 2 luglio , mentre sarebbero rimasti da recuperare materiali di risulta appartenenti alla Difesa italiana. Al di là delle modalità logistiche del ritiro dalla Base italiana,  il nodo di fondo è diplomatico e lo “sfratto” rappresenta un sonoro ceffone politico dato all’Italia al livello internazionale . Gli Emirati Arabi Uniti , infatti, con questa mossa sanciscono una ritorsione inaccettabile  nei confronti dell’Italia; una condotta ostile e minacciosa già manifestata dagli Emirati quando  negarono, il sorvolo del loro spazio aereo al Boeing che trasportava in Afghanistan i giornalisti al seguito del Ministro Guerini.  È a tutti noto che all’origine di questa ritorsione degli Emirati ci sia la decisione, presa nel gennaio scorso , dall’allora  Governo Conte di congelare le licenze di esportazioni di armi agli Emirati ed all’Arabia Saudita ; nonché l’iniziativa del Ministro Di Maio di aggiungere all’embargo il blocco dei contratti per la fornitura dei materiali per gli aerei, le  cosiddette “frecce tricolori” degli Emirati. Il tema oggi  in questione è la reazione inaccettabile degli  Emirati e lo sfratto intimato agli Italiani dalla Base Militare; ci auguriamo  che il Presidente del Consiglio Draghi intervenga per difendere l’ autorevolezza delle Missioni internazionali italiane di fronte a simili prepotenze diplomatiche. Il Dossier è aperto e il tempo stringe; il  Governo italiano dovrebbe mettere da parte le divisioni interne ed intervenire con un unico scopo, quello di riaffermare il prestigio delle nostre Missioni internazionali. e difendere una base Militare chiave che non può essere oggetto di rappresaglie”.

Così in una nota la Senatrice
Rauti, capogruppo di Fratelli d’Italia in Commissione Difesa .

Condividi