Dl Agricoltura. Approvato emendamento monitoraggio, lotta e ricerca del bostrico

Dl Agricoltura. Approvato emendamento monitoraggio, lotta e ricerca del bostrico

Nove milioni di euro in tre anni per “il finanziamento e l’attuazione di azioni di monitoraggio, di lotta attiva, di formazione e informazione, nonché di ricerca e sperimentazione per il contrasto e la prevenzione delle infestazioni fitosanitarie nelle zone interessate dall’epidemia dell’insetto Ips typographus”: grazie all’emendamento al DL Agricoltura presentato dal senatore Luca De Carlo, presidente della IX Commissione Senato – Industria, commercio, turismo, agricoltura e produzione agroalimentare, e approvato dalla Commissione prosegue e si amplia l’attività del fondo del Ministero dell’agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste “per misure di tutela del territorio e prevenzione delle infestazioni fitosanitarie per le zone interessate dall’epidemia dell’insetto Ips typographus”.
“Si tratta di una misura fondamentale per i territori colpiti dalla tempesta Vaia, risorse preziose nelle zone alpine dove il problema della diffusione del bostrico è ancora pesantemente presente che permetteranno di finanziare – oltre alle azioni silvocolturali come già accadeva in passato – anche le attività segnalate come urgenti dai vari attori del territorio, come azioni di monitoraggio, di formazione e informazione, di lotta attiva, di ricerca e sperimentazione in collaborazione con Università e istituti di ricerca”, commenta De Carlo. “Siamo davanti ad una situazione critica ed allarmante, uno stato di emergenza fitosanitaria su vasta scala che non ha solo risvolti ambientali, ma anche sociali, economici e di sicurezza: pensiamo al rischio idrogeologico e valanghivo, o agli effetti che prima lo schianto al suolo di milioni di metri cubi di legname e ora l’attacco del bostrico alle piante a terra e in piedi hanno avuto sul costo e sul mercato del legname. Questo coleottero è presente in un’ampia area di territorio dolomitico e alpino, con situazioni ambientali differenti che richiedono studi e azioni diversificate: l’emendamento approvato permetterà quindi di intervenire sui territori con interventi ancora maggiormente specifici”.
Condividi