Dl Agricoltura. Misure per combattere il caporalato

Dl Agricoltura. Misure per combattere il caporalato

“Questo decreto è un ulteriore segnale del Governo per l’agricoltura e la pesca. In meno di due anni, infatti, questo Esecutivo ha messo a disposizione risorse più di ogni altro in passato”. Lo dichiara in Aula, in dichiarazione di voto sul dl Agricoltura, il senatore di Fratelli d’Italia Renato Ancorotti. “Sono molti gli interventi previsti dal decreto – prosegue -: i sostegni alle nostre imprese colpite da fenomeni idrogeologici e crisi internazionali, le misure contro il consumo di terreni coltivabili, le risorse per il contrasto alla xylella e al granchio blu, nonché per il contrasto alle pratiche sleali. Una misura a cui tengo particolarmente – sottolinea poi il parlamentare di FdI – è quella tesa, grazie agli emendamenti all’articolo 2 del presidente di commissione senatore De Carlo, a combattere l’infame pratica del caporalato”. Ancorotti dunque aggiunge: “Per deformazione professionale sono portato a guardare i numeri: l’agroalimentare italiano vale 620 miliardi, il 15% del Pil nazionale, l’export è arrivato a 64 miliardi di euro, una cifra mai raggiunta prima, in aumento del 6% rispetto al 2022. È un dato – continua – destinato ad aumentare se si contrasta efficacemente il fenomeno dell’italian soundig, che muove oggi 100 miliardi di euro. È un tema fondamentale da parte del Governo per promuovere il made in Italy e le nostre eccellenze, premiate dall’Unione europea che colloca l’Italia al primo posto per riconoscimenti ricevuti. Un impegno di questo Governo anche nel campo dell’agricoltura – conclude Ancorotti – è fare ciò che avevamo detto”.

Condividi