Europee. Bonaccini si dimetta immediatamete dall’incarico di presidente della Regione

Europee. Bonaccini si dimetta immediatamete dall’incarico di presidente della Regione

«Dopo l’annuncio ufficiale di Elly Schlein, Bonaccini dovrebbe dimettersi immediatamente dall’incarico di presidente della Regione Emilia-Romagna che, per altro, è incompatibile con il ruolo di parlamentare europeo». A dirlo è Michele Barcaiuolo, coordinatore regionale Fdi.

«La scelta da parte di Bonaccini di scappare dalla Regione – chiarisce Barcaiulo – sarà vile, ma è perfettamente comprensibile. D’altronde, le competenze principali della Regione sono sanità e difesa del territorio, e su entrambi i fronti l’Emilia-Romagna versa in una situazione disastrosa, principalmente a causa delle decisioni scellerate di una sinistra guidata proprio da Bonaccini e Schlein».

«Nella fattispecie – denuncia il senatore Fdi –  sono passati quasi dodici anni dal terremoto che colpì le province di Modena, Bologna e Ferrara e l’Emilia-Romagna è ancora commissario delegata; venendo all’alluvione, invece, non possiamo nascondere le gravi responsabilità da parte del Pd rispetto alla cura del territorio romagnolo, dove non sono state messe in campo quelle azioni necessarie, e per altro ampiamente segnalate, che avrebbero potuto ridurre l’entità del disastro; infine, per quanto riguarda la Sanità, è superfluo citare la mancanza di chiarezza nella gestione dei conti: il tanto declamato modello emiliano-romagnolo l’anno scorso ha portato a un bilancio in rosso e a un concreto rischio di commissariamento».

«Il fatto che Bonaccini abbia accettato di candidarsi alle europee – ribadisce Barcaiuolo – mostra, ancora una volta, un totale disinteresse nei confronti delle esigenze dei cittadini e della regione, subordinate alle ambizioni di carriera personale. Lo ribadisco: l’unica mossa sensata, ora, sono le dimissioni».

Condividi