FDI VOTA NO A SCOSTAMENTO DI BILANCIO: ASSENTI POLITICHE SERIE PER LA RIPARTENZA

FDI VOTA NO A SCOSTAMENTO DI BILANCIO: ASSENTI POLITICHE SERIE PER LA RIPARTENZA

Ci saremmo aspettati che, dopo due anni persi a rincorrere la pandemia con l’unico strumento delle chiusure, gli altri partiti avessero finalmente capito che occorre risolvere prima il nodo degli accessi a scuola, implementare i mezzi pubblici e dare dignità e risorse alla medicina territoriale.
Per questi, che sono gli unici strumenti concreti adatti a garantire una ripresa sociale ed economica, nulla è previsto nell’assestamento di bilancio 2021, mentre si continuano, ad esempio, ad esigere 15 miliardi per finanziare il reddito di cittananza, di fatto dimostratosi inutile per reimmettere nel mondo di lavoro i disoccupati quando non è stato percepito da delinquenti e mafiosi.

Fratelli d’Italia vota no ad una manovra che impegna il nostro Paese per quasi 600 miliardi e non da risposte nè sul piano della prevenzione nè su quello del rilancio.

Bilancio. de Bertoldi: governo spreca soldi italiani per RdC, da FdI no a rendiconto e assestamento

“Fratelli d’Italia voterà contro il rendiconto finanziario del 2020 e l’assestamento di bilancio del 2021 perchè è inaccettabile che l’Italia con un passivo di 271 miliardi per quest’anno e di 300 per il prossimo impegni 15 miliardi per finanziare il reddito di cittadinanza. Una misura assistenzialistica che non ha portato sviluppo, ma piuttosto si è trasformata in uno spreco di cui ne hanno beneficiato i più furbi e scaltri, come delinquenti usciti di galera e o lavoratori della malavita nullatenenti. Da tempo Fratelli d’Italia, invece, ne chiede l’abolizione per investire queste risorse nell’estensione degli ammortizzatori sociali, questi sì a sostegno dei più deboli. Oppure chiediamo che queste risorse siano investite nella lotta al Covid per migliorare i trasporti, mettere in sicurezza le scuole o rafforzare la medicina territoriale. Altro che green pass obbligatorio. E infine la riforma fiscale. Anche qui il governo è mancato perchè 3 miliardi sono pochi per fare una riforma seria e organica, preferendo continuare a sprecare soldi nell’assistenzialismo di Stato del reddito di cittadinanza”.
Lo ha detto il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea de Bertoldi, segretario della Commissione Finanze nel corso del suo intervento in Aula.

Condividi