GENOCIDIO ARMENO. RICORDARE PER CONDANNARE OGNI FORMA DI PERSECUZIONE

GENOCIDIO ARMENO. RICORDARE PER CONDANNARE OGNI FORMA DI PERSECUZIONE

“Il 24 aprile si ricorda il genocidio del popolo armeno del 1915, ad opera dell’Impero ottomano, che costò la vita a più di un milione e mezzo di cristiani armeni e l’esodo per chi riuscì a sfuggire alle persecuzioni. Oggi ho partecipato alla cerimonia di commemorazione del 109º anniversario di questa mattanza organizzato nel Giardino del genocidio armeno di piazza Lorenzini, a Roma, dal Consiglio per la Comunità armena di Roma. Occasione, è stata, per rinsaldare ulteriormente il rapporto di amicizia con il popolo armeno e per celebrare quello che, a più di un secolo di distanza, è un genocidio dimenticato e addirittura in taluni casi negato. Il ricordo delle tragiche vicende del popolo armeno è uno strumento importante per vincere la battaglia del riconoscimento del genocidio e, soprattutto, un modo per ribadire la ferma condanna di ogni forma di persecuzione”.
Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Andrea De Priamo.
Condividi