GIUSTIZIA,  SCARPINATO E 5S COME GIUDICANO SENTENZA CEDU SU USO INTERCETTAZIONI?

GIUSTIZIA, SCARPINATO E 5S COME GIUDICANO SENTENZA CEDU SU USO INTERCETTAZIONI?

“La corte internazionale per i diritti dell’uomo ha emesso una sentenza molto pesante sull’uso delle intercettazioni  in Italia. Infatti ha ribadito che l’utilizzo che se ne fa in Italia con l’art 8 della Convenzione europea sui diritti dell’uomo. La sentenza, come sempre, ha deciso su un caso specifico che però riguarda un modus operandi che in Italia è tollerato. Sotto accusa è l’utilizzo che si e’ fatto di intercettazioni e perquisizioni nei confronti di un uomo non inquisito, come Contrada, da parte di un pm, oggi passato alla politica, l’ex Magistrato Scarpinato ora senatore giustizialista dei 5 stelle, strenuo difensore dello status quo. Forse un’analisi, non di parte, sull’uso a volte distorto delle intercettazioni e della loro diffusione nei confronti di soggetti non indagati, sarebbe auspicabile. Così come auspicabile che la riforma della giustizia, voluta da questo Governo vada avanti. Resta però un quesito: Scarpinato e il suo movimento politico, come si pongono innanzi a questa condanna? Rimarranno in silenzio ancora una volta?”.
Lo scrivono in una nota Gianni Berrino e Sandro Sisler, senatori di Fratelli d’Italia
Condividi