GOVERNO STANZIA 100 MILIONI PER LAVORATORI SPETTACOLO DOPO ANNI DI NIENTE

GOVERNO STANZIA 100 MILIONI PER LAVORATORI SPETTACOLO DOPO ANNI DI NIENTE

“Sul copione del sostegno ai lavoratori dello spettacolo, la Sinistra di Orfini e company fa troppe parti in commedia. Se come afferma vuole intestarsi il merito di aver scritto la legge delega che il sottosegretario Mazzi, con fatica,  si è preso l’impegno insieme al Ministro Sangiuliano di attuare, dovrebbe anche ammettere che hanno scritto male proprio le due norme che oggi contestano: la platea dei destinatari e la mancanza della parola welfare nella delega al Governo. Una battaglia strumentale, quindi la sua, fatta per coprire quello che lui in 10 anni di attività parlamentare e di Governo con il centro sinistra non è riuscito a fare o che ha fatto male.
 I 100 milioni stanziati  da questo Governo per le famiglie dei lavoratori dello spettacolo per Orfini sono elemosina, ma sono sempre di più di quello che hanno stanziato loro: cioè nulla. Quanto alla legge delega, la criticano demagogicamente e strumentalmente, sapendo di mentire perché l’hanno scritta loro.
Ricordo inoltre, che sono decine le legge delega che giacciono insabbiate , il Governo Meloni ha avuto il merito, e questo lo si deve riconoscere, di rispettare l’impegno preso con il mondo dello Spettacolo e ha dato priorità stanziando da subito 100 milioni per sostenerlo. Non era scontato e purtroppo non è’ stato possibile farlo per altre categorie.
Un teatrino quello di Orfini purtroppo alle spalle di quella maggioranza silenziosa dei lavoratori dello spettacolo e delle loro famiglie  che siamo certi invece faranno domanda, entro il 15 dicembre, per avere quei fondi che abbiamo stanziato per loro. Tutto è migliorabile, ma è importante essere concreti. Iniziamo da qui: cioè dai fatti”.
Lo scrive in una nota Paolo Marcheschi, senatore di Fratelli d’Italia e capogruppo in commissione cultura
Condividi