Incidenti lavoro, da Bombardieri bieca polemica politica

Incidenti lavoro, da Bombardieri bieca polemica politica

“Il segretario della Uil Bombardieri si esprime in maniera davvero singolare: prima ci invita al silenzio e subito dopo sfrutta per una bieca polemica politica la terribile morte sul lavoro della giovane Luana D’Orazio. Basterebbe questo per identificare il suo stile, ideologico e funzionale solo ad una propaganda di parte. Spiace, spiace davvero perché la tragedia infinita delle morti sul lavoro richiede sobrietà e rispetto innanzitutto, e poi azioni concrete dopo decenni di gravi disattenzioni e continue superficialità da parte dei governi che si sono succeduti e da cui non sono esenti neppure le parti sociali coinvolte. Per essere davvero solidali alle vittime ed ai loro cari il nostro dovere è quello di sostenere la prevenzione, aumentare i controlli e sostenere una nuova cultura del lavoro in cui la formazione sia centrale. Lo pensa il ministro Calderone e lo sostiene Fratelli d’Italia: la situazione che abbiamo trovato è a dir poco tragica, ma i nostri provvedimenti vanno nella direzione di cambiare rotta velocemente, nonostante la pessima eredità lasciataci – necessario sottolinearlo – da chi ci ha preceduto. Alla signora Emma Marrazzo, madre di Luana d’Orazio, niente e nessuno restituirà il calore di quella giovane vita spezzata. Ora posso solo esprimerle la vicinanza di madre mia personale ed anche del ministro Marina Calderone”.
Lo dichiara la senatrice di Fratelli d’Italia, Paola Mancini, componente della Commissione Lavoro.
Condividi