MANOVRA, DA CONSIGLIERE DEGNI PAROLE INDEGNE

MANOVRA, DA CONSIGLIERE DEGNI PAROLE INDEGNE

MANOVRA, DA CONSIGLIERE DEGNI PAROLE INDEGNE

“Le parole pronunciate dal consigliere della Corte dei Conti Marcello Degni sono indegne e destano preoccupazione perché pronunciate da un giudice che dovrebbe essere super partes nei confronti di tutti. Non ci sono altri modi per definire le frasi pronunciate da questo magistrato a margine dell’approvazione della manovra di bilancio da parte del Parlamento. Secondo Degni, la cui nomina è politica e che ha anche taggato nel suo post su X la segretaria del Pd Schlein, potevano ‘far sbavare’ il governo alla vigilia della discussione e far andare in esercizio provvisorio. Si tratta di parole gravissime sulle quali mi aspetto una presa di posizione da parte della sinistra. In un confronto democratico ci può stare anche la durezza e lo scontro ma non bisogna mai trascendere, pena la violazione dei principi che sono alla base della nostra democrazia”. Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Gianni Berrino, capogruppo FdI in Commissione Giustizia a Palazzo madama.

Condividi