Mare. Con il

Mare. Con il ‘posizionamento dinamico’ meno impatto per fondali e coste

“Il mare è il nostro fratello blu, e in quanto tale va tutelato e salvaguardato. Oggi possiamo farci aiutare dal progresso e in questo senso le operazioni in mare con il ricorso alla posizione dinamica, saranno meno impattanti per i fondali e le sue coste”.
Così il senatore di Fratelli d’Italia Costanzo Della Porta nel corso della conferenza stampa di sua iniziativa dal titolo:  “un mare di risorse”, svoltasi oggi in Senato, che ha visto anche la presenza del ministro della Protezione Civile e delle Politiche del Mare Nello Musumeci.
“Grazie al ‘posizionamento dinamico’ le operazioni saranno più sicure e veloci perché evitano, ad esempio, i sistemi di ancoraggio che ancora oggi sono molto dannosi per le infrastrutture marine, sottomarine e i fondali. Operazioni che sono pensate nell’ottica di un miglioramento delle azioni effettuate in mare, nel pieno rispetto del mare. Un sistema, in sintesi, che permette di usare la tecnologia per raggiungere obiettivi che un tempo sarebbero stati impensabili e che sono fondamentali per le sfide che ci attendono”, conclude Della Porta.
Condividi