MAROCCHINATE, INVESTIRE SULLA MEMORIA PER FAR EMERGERE LA VERITA

MAROCCHINATE, INVESTIRE SULLA MEMORIA PER FAR EMERGERE LA VERITA’

“Dobbiamo investire sulla memoria affinché la verità emerga, la storia delle marocchinate, gli stupri e le violenze subite dalla popolazione italiana, soprattutto del Lazio, durante la seconda guerra mondiale, è una storia ancora troppo sconosciuta e portata avanti da uno sparuto gruppo di persone, quali siamo, e che necessita di un approfondimento maggiore da parte delle istituzioni”.
Lo ha dichiarato il senatore di Fratelli d’Italia Massimo Ruspandini, nel corso del convegno a Roma dedicato alle vittime delle marocchinate durante la Seconda Guerra Mondiale.
“Come anche per le foibe – ha sottolineato Ruspandini – la strada per far conoscere le vicende tragiche che hanno visto la nostra gente subire violenze inenarrabili nel secondo conflitto mondiale da parte delle truppe francesi coloniali è ancora lunga, e questo anche per la viltà di tanti politici e docenti che tacciono su questi fatti drammatici”.
“Dobbiamo imparare a giudicare gli amministratori in base al loro coraggio – ha osservato Ruspandini – perché accanto alla brutalità bellica vi è quella dell’oblio che uccide una seconda volta le donne vittime degli stupri”.
“Non è una ragione di vendetta quella che ci spinge a far conoscere la verità – ha concluso Ruspandini – ma per onore nei confronti delle tante vittime che hanno patito violenze e soprusi da parte di chi era venuto in Italia per sottometterci”.

Condividi