Migranti. Dati allarmanti, in Italia solo chi ha un contratto di lavoro

Migranti. Dati allarmanti, in Italia solo chi ha un contratto di lavoro

“Avevamo ragione: i dati emersi dal tavolo tecnico costituito dal Governo Meloni per monitorare i flussi migratori sono allarmanti. Il Presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, questa mattina si è recata dal Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, Giovanni Melillo, a cui ha consegnato un esposto sui flussi di ingresso di lavoratori stranieri in Italia. Si evince come in molti utilizzino il Decreto Flussi, dedicato ai lavoratori regolari, quale canale di immigrazione irregolare. In alcune regioni, durante il click day, sono state registrate domande di nulla osta al lavoro sproporzionate rispetto al numero di potenziali datori di lavoro. Ha detto bene la nostra leader: modificheremo i tratti operativi che hanno portato a queste storture, lasciando le porte aperte solo a chi è titolare di un contratto di lavoro”.
Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Nicola Calandrini, Presidente della 5a Commissione Bilancio
Condividi