Omofobia. Giusto contrastarla, ma no al gender

Omofobia. Giusto contrastarla, ma no al gender

“Sacrosanto combattere le discriminazioni a motivo dell’orientamento sessuale, ma ciò non deve mai diventare un pretesto per puntare surrettiziamente ad altri obiettivi. È per questo che il Governo italiano ha firmato la dichiarazione europea contro omofobia, bifobia e transfobia, ma non la parte che promuove l’ideologia gender negando l’identità maschile e femminile. Sì al rispetto delle differenze, no all’ideologia gender”.

Lo dichiara in una nota la senatrice di Fratelli d’Italia Ester Mieli, responsabile nel partito del dipartimento Pari opportunità e politiche contro ogni forma di discriminazione.

Condividi