Patto stabilità. Bene allentare le regole ma occorre che queste siano comuni

Patto stabilità. Bene allentare le regole ma occorre che queste siano comuni

“Guardo con favore alla riforma delle regole del Patto di Stabilità, che oggi verrà ribadita dalla Commissione europea nei suoi orientamenti di bilancio per il 2024. E’ però necessario che si arrivi a una riforma complessiva e condivisa che coinvolga anche la materia degli aiuti di Stato. Non tutti gli Stati membri hanno lo stesso spazio fiscale per fornire aiuti e non possiamo più permetterci un’Europa che viaggi a diverse velocità. Mentre Usa e Cina investono miliardi per difendere le proprie aziende, il sistema industriale europeo continua a perdere competitività e questo non è pensabile in un mondo fortemente globalizzato. Le Nazioni europee hanno bisogno di una politica flessibile ma questa deve essere proporzionata e mirata. E’ importante anche non trincerarsi dietro steccati ideologici, come quelli della transizione ecologica. Tutti vogliamo un mondo a emissioni zero e dobbiamo puntarci ma dobbiamo farlo guardando in faccia la realtà e senza regalare porzioni essenziali dei nostri asset strategici ad altri competitor internazionali”.

Lo dichiara in una nota il senatore di Fratelli d’Italia Nicola Calandrini, presidente della V Commissione Bilancio

Condividi