PNRR, ennesimo voto di fiducia per impedire discussione. FdI dovrà rimediare alle macerie di questi 5 anni

PNRR, ennesimo voto di fiducia per impedire discussione. FdI dovrà rimediare alle macerie di questi 5 anni

Malan: ennesimo voto di fiducia per impedire discussione

Lucio Malan

“Ci troviamo di fronte all’ennesimo voto di fiducia volto ad impedire una discussione alla luce del sole dei singoli emendamenti del dl Pnrr, un provvedimento diventato praticamente ‘omnibus’. E ancora una volta il testo sarà esaminato soltanto da una delle due Camere perché, come accade sempre più spesso, le Commissioni sono state convocate e poi rinviate di continuo. Non è di certo questo il modo di affrontare un provvedimento così importante per la ripresa economica italiana”.
Così il senatore di Fratelli d’Italia Lucio Malan, durante la discussione in Aula.
“Quando il Pnrr è stato scritto a livello europeo e recepito in Italia era in corso l’emergenza sanitaria generata dal Covid con gli inevitabili riflessi sull’economia, mentre oggi ci sono altre emergenze, tra le quali quella energetica causata della guerra in Ucraina. Nonostante questo si prosegue con il vecchio piano contenente un certo fondamentalismo ambientalista che applica dogmi in maniera acritica, come ad esempio l’eliminazione dei motori endotermici entro il 2025” e prosegue: “Una scelta che consentirà alla Cina di assorbire nuova produzione a danno dell’Europa e dato che lì non c’è alcun limite alle emissioni, aumenterà automaticamente l’inquinamento globale. Il tutto come diretta conseguenza dell’aspro confronto tra le visioni ideologiche fondamentaliste e la realtà. Il pericolo peggiore che può correre la politica è sostituire la realtà con l’ideologia “.

 

 

Iannone: Fratelli d’Italia dovrà rimediare alle macerie di questo quinquennio

Antonio Iannone

“Assistiamo all’ennesimo voto di fiducia e Fratelli d’Italia, per l’ennesima volta, dirà no a questo Governo, che sembra sempre più una maionese impazzita. Lo dico perché, insieme ai colleghi, il senatore Malan e il senatore Barbaro, ma anche ai colleghi della 5a Commissione, i senatori Calandrini e De Carlo, fin dal principio ci siamo posti nei confronti di questo provvedimento con un atteggiamento di estrema serietà e responsabilità, nella consapevolezza di quel che poteva e doveva rappresentare per la nostra Nazione. Parliamo delle misure urgenti per l’attuazione del PNRR. Ebbene, se il buongiorno si vede dal mattino, per prima vi è stata questa travagliata esperienza che abbiamo vissuto nelle Commissioni. Lo ribadisco: un sequestro di persona per giorni interi. Di giorno si assisteva a continui rinvii e di notte si cercava di recuperare il tempo perso per una evidente mancanza di visione omogenea all’interno della maggioranza e di deficienza di rapporto con il Governo. Noi abbiamo cercato in ogni modo di aiutare il conseguimento del risultato ultimo e, per onestà intellettuale, devo dare anche riscontro di alcuni emendamenti che sono stati approvati in maniera secca, di altri che sono stati assorbiti da altri emendamenti o comunque di contenuti che sono stati recepiti. Sanno bene i relatori e i Presidenti di Commissione che quegli emendamenti non rappresentavano le priorità che Fratelli d’Italia aveva indicato. Ad ogni buon conto, crediamo di essere stati più utili alla maggioranza di quanto la maggioranza sia stata utile a noi, ma questo è l’atteggiamento che Fratelli d’Italia ha assunto dal primo momento, perché noi siamo coerentemente all’opposizione del Governo, ma non giocheremo mai al tanto peggio tanto meglio nei confronti della nostra Patria. Noi abbiamo proposto emendamenti per aiutare i Comuni e le Province. Chi è stato amministratore locale sa bene che alcuni Comuni hanno difficoltà a trovare perfino i segretari generali e alcune Province, dopo la riforma Delrio (che tanti hanno votato, che tanti criticano e che tanti vogliono smantellare senza riuscirci), sono enti fantasma. Sono come la nebbia di Totò a Milano: ci sono, ma non si vedono. Dopo averli svuotati del loro capitale umano, pensiamo che questi enti che vogliono accettare la sfida del PNRR possano concludere qualcosa di positivo? Noi abbiamo cercato di sostenere le proposte che ci venivano dall’Associazione nazionale Comuni italiani (ANCI) e dall’Unione delle Province d’Italia (UPI), da quegli amministratori che sono di tutti i partiti politici e che condividono una condizione di estrema difficoltà, in cui ogni giorno sono costretti a dire, con fatti e con parole: vorrei, ma non posso. Un capitolo del provvedimento è dedicato alla scuola ed è stato lo scoglio finale. A mio giudizio l’errore è stato in principio. Noi ne abbiamo parlato anche con il Ministro e con il presidente Nencini, a cui voglio dare testimonianza di cultura istituzionale, perché circa un mese fa hanno avuto la gentilezza di intervenire all’iniziativa che avevamo promosso degli Stati generali della scuola e avevamo ricevuto un’apertura alla quale volevamo credere, perché ci sembrava importante. Debbo dire che quanto emerge è molto deludente, perché la priorità che noi individuiamo, cioè la stabilizzazione del nostro personale precario della scuola, ancora una volta non trova il suo compimento. Questo Governo si preoccupa di non incorrere in una procedura europea di infrazione rispetto ai nostri balneari, condannandoli alla morte, quando invece siamo già in procedura di infrazione per i nostri docenti, che non vengono stabilizzati. È allora evidente che si vede la realtà che si vuole e, soprattutto, non è una scoperta di oggi il fatto che la politica abbia abdicato al ruolo di scegliere, decidere e prendersi le proprie responsabilità rispetto alle tecnostrutture che ormai imperversano da troppo tempo. Forse vi state svegliando troppo tardi rispetto a questa realtà. Se il rispetto per il nostro ruolo non ce lo diamo anzitutto noi, chi ce lo deve dare? A che cosa serve fare le elezioni quando è consentito visto che da anni aspettiamo di tornare alle urne e vediamo il susseguirsi di Governi che sono costruiti in vitro, se poi la storia viene fatta dalla Ragioneria generale dello Stato? Questo è quello che i cittadini non capiscono in termini di ruolo della politica. Noi ci poniamo con umiltà e con la consapevolezza che dovremo rimediare anche alle macerie ulteriori che avrete lasciato in questo quinquennio, ma siamo certi di non fare la fine di questa maionese impazzita, con tanti che sono nati incendiari e stanno morendo pompieri, con persone hanno iniziato con Rousseau e finiranno con Tabacci”.

Lo dichiara in Aula il senatore di Fratelli d’Italia, Antonio Iannone.

Condividi