PUGLIA. EMILIANO NON SI CAPACITA CHE NON C’E’ PIU’ UN GOVERNO SUO AMICO

PUGLIA. EMILIANO NON SI CAPACITA CHE NON C’E’ PIU’ UN GOVERNO SUO AMICO

“Emiliano non si capacita nel considerare che non c’è più il Governo che lo spalleggiava e non ci sono ministri che gli fornivano assist per autocelebrarsi. C’è un Governo che non nasce dagli inciuci tanto cari ad Emiliano e c’è un Ministro come Fitto che guarda agli obbiettivi strategici che il PNRR racchiude in sé. Obbiettivi strategici da realizzare e collaudare con risorse in parte a debito entro e non oltre il 30 giugno 2026 pena la restituzione di somme alla Comunità Europea e l’obbligo di completare le opere con risorse del bilancio dello Stato.  In questo quadro generale si inserisce la politica del Governo Meloni: indagare e punire il dolo e non la colpa in un processo di crescita e di responsabilizzazione professionale ed amministrativa dei Sindaci e degli amministratori e dei dirigenti degli Enti Locali e degli altri soggetti attuatori del PNRR. La potenza dell’odio e del rancore che Emiliano cova nel suo animo nei confronti di Fitto è tale da fargli assumere una veste di forcaiolo nei confronti di Sindaci, amministratori e dirigenti la maggior parte dei quali della sua parte politica. Noi pensiamo invece che la classe politica e dirigente pugliese abbia acquisito competenze e responsabilità tale da indurli ad agire costantemente con perizia, prudenza e diligenza. Emiliano non ha fiducia in loro, noi abbiamo fiducia in loro. È una distinzione da Emiliano che ci onora”.

Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Ignazio Zullo.

Condividi