Rai, con nomine di ieri privatizzazione di fatto. FdI esclusa da CdA e da Vigilanza

Rai, con nomine di ieri privatizzazione di fatto. FdI esclusa da CdA e da Vigilanza

 

“Dopo le nomine di ieri per il CdA la privatizzazione della Rai è ormai un dato di fatto. Non siamo più davanti a un Servizio pubblico ma ad un Servizio ad esclusivo beneficio della maggioranza e del governo”.

Così il capogruppo di Fratelli d’Italia al Senato, Luca Ciriani, nel corso della conferenza stampa di FdI sulle nomine del CdA Rai.

“Ad aggravare il tutto c’è il fatto che questo CdA resterà in carica fin dopo le elezioni e quindi queste saranno gestite da un Consiglio di amministrazione controllato dalla maggioranza e in cui è esclusa FdI, l’unica forza di opposizione. Senza dimenticare che anche la Commissione di Vigilanza Rai, a cui spetterà stilare i regolamenti sulla Par condicio e vigilare sul pluralismo e la correttezza dell’informazione, è nelle mani della maggioranza. È una situazione intollerabile, di una Rai che è finanziata dal canone in bolletta da tutti gli italiani, anche da quelli che votano e credono in Fratelli d’Italia e che meritano una rappresentanza”, conclude Ciriani.

Condividi