Rai, perdita diritti tv Palio di Siena ennesima dimostrazione inadeguatezza e insipienza vertici

Rai, perdita diritti tv Palio di Siena ennesima dimostrazione inadeguatezza e insipienza vertici

“Oggi si è consumata l’ennesima disfatta per la Rai del governo dei ‘migliori’ con la perdita dei diritti televisivi sul Palio di Siena. Una sconfitta grave oltre che clamorosa considerando l’eco che questa manifestazione ha sul piano turistico, folcloristico e dell’immagine nel mondo dell’Italia. Senza dubbio il Palio appartiene alla storia della nostra Nazione, manifestazione identitaria in cui tanto la Toscana quanto l’Italia possono rivedersi e riconoscersi. Ma il Palio è soprattutto un pezzo della storia della televisione italiana, visto che fu la prima trasmissione ad andare in diretta nel lontano 2 luglio del 1954. Era allora una Rai pionieristica, dove mancavano ponti e antenne e per realizzare la messa in onda fu necessario appoggiarsi alle infrastrutture dell’Esercito. Ecco, dinanzi a tutto ciò la Rai di oggi impallidisce dimostrando, alla luce di questo ennesimo fallimento, tutta l’inadeguatezza e l’insipienza dei suoi vertici”.

Lo dichiarano la senatrice di Fratelli d’Italia, Daniela Santanchè, e il deputato di Fratelli d’Italia, Federico Mollicone, capogruppo e componente nella Commissione parlamentare di Vigilanza sulla Rai.

Condividi