Raimo, inneggiare alla violenza è grave e inaudito, specie se a farlo è un docente

Raimo, inneggiare alla violenza è grave e inaudito, specie se a farlo è un docente

“Trovo gravissime le parole di Christian Raimo, filosofo e docente che in una intervista televisiva ha affermato di insegnare ai suoi ragazzi a picchiare. Giustificare la violenza è inaudito. Istigare i ragazzi a compierla di più, specie se questo viene da un docente. Non esiste una violenza buona o giustificata e la scuola, ancor prima di istruire i ragazzi, ha il preciso compito e dovere di preparare i nostri figli ad essere cittadini consapevoli. Queste assurde esternazioni fondate su odio e violenza sono inaccettabili e del tutto incomprensibili, ancor più se proferite da chi ricopre un ruolo delicato e fondamentale come quello di docente . Bene ha fatto il vicecapogruppo vicario di Fratelli d’Italia Raffaele Speranzon a presentare una interrogazione al ministro dell’istruzione e del merito Valditara per chiedere ulteriori verifiche ed eventuali provvedimenti. Un fatto di tale gravità non può essere sottovalutato”.
Lo dichiara in una nota la senatrice di Fratelli d’Italia Ella Bucalo, componente della commissione Cultura e Istruzione del Senato e viceresponsabile del dipartimento Scuola del partito.
Condividi