Riforme: stop caos Province,nessuno resti indietro

Riforme: stop caos Province,nessuno resti indietro

“Dopo la riforma Delrio le Province sono creature ibride che creano numerosi disagi ai Comuni e ai cittadini abbandonati al proprio destino nella ricerca dei servizi piu’ essenziali. A 9 anni dall’entrata in vigore della Riforma Delrio occorre avviare una seria riflessione sul sistema elettivo, sulle funzioni e sulle reali risorse da assegnare all’ente Provincia affinche’ possa esercitare concretamente le competenze che la Costituzione gli attribuisce. Attualmente le strade e le scuole provinciali sono lasciate senza manutenzione, l’assistenza ai disabili non viene garantita, il personale trasferito e quello rimasto, a causa della permanente carenza di organico, non e’ in grado di svolgere i compiti assegnati e i centri per l’impiego, che dovrebbero favorire il reinserimento
dei disoccupati, rimangono in bilico tra la competenza concorrente tra Stato e regioni”. Lo dichiara il senatore questore di Fratelli d’Italia, Gaetano Nastri. “Cosi’ come ha sottolineato oggi il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni, nel corso del suo intervento in collegamento nel corso del Festival delle Regioni, e’ giunto il momento di dare vita ad una nuova stagione di riforme per rafforzare il sistema istituzionale assicurando la coesione nazionale. In questo quadro si inserisce il disegno di legge presentato in Senato, insieme al collega Silvestroni, per far tornare a votare i
cittadini, da anni espropriati del diritto di scegliere i propri amministratori e per non lasciare indietro nessuno”, conclude.

Condividi