Riforme, sul Sud tra De Luca padre e De Luca jr solito bazar della propaganda

Riforme, sul Sud tra De Luca padre e De Luca jr solito bazar della propaganda

“Il federalismo contenuto nel programma di governo del centrodestra non è un’idea di autonomia cannibale che prevarica le possibilità di espressione del Sud. Inoltre, il presidenzialismo che FdI ha fatto inserire come punto fondante rappresenta l’equilibratore della riforma ed un contrappeso indispensabile per garantire l’Unità Nazionale. Questo impegno assunto direttamente dal presidente del Consiglio Giorgia Meloni è il cardine di una riforma che ripensa in senso moderno l’architettura dello Stato, dalle Istituzioni centrali fino alle Autonomie locali, con una complessiva riorganizzazione delle competenze. E’ stato il Pd con la Legge Delrio a terremotare gli Enti Locali con una pessima legge che ha distrutto le Province ed oggi di fatto la funzione di governo in area vasta non è garantita. Intendiamo, perciò, tornare all’elezione diretta del presidente della Provincia e dei relativi Consigli Provinciali. De Luca padre e figlio farebbero bene a smetterla di raccontare balle sulla volontà della destra di abbandonare il Sud, perché è una ridicola rappresentazione visto che da anni sono al governo nazionale e regionale con risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Anche in tema di Autonomie cianciano di ciò che non conoscono, visto che il modello contenuto nella delibera regionale sull’Autonomia sarebbe il vero ferale colpo al Sud perché parte dal presupposto della spesa storica. Evidentemente De Luca padre non si rende conto che sarebbe proprio il suo schema il miglior piacere al ‘medico della peste’, mentre De Luca figlio pensa solo a ricavarsi un ruolo in vista del Congresso dell’agonizzante Pd dove il Bonaccini che sosterranno si è già detto favorevole all’autonomia differenziata. Siamo al solito bazar delle sparate propagandistiche contraddette dalla pratica”.

Lo dichiara il senatore Antonio Iannone, Commissario regionale di Fratelli d’Italia in Campania.

Condividi