ROMA. MOBILITÀ PENALIZZATA TRA TPL INADEGUATO, STRATEGIE ERRATE E RITARDI SU GIUBILEO

ROMA. MOBILITÀ PENALIZZATA TRA TPL INADEGUATO, STRATEGIE ERRATE E RITARDI SU GIUBILEO

“La gestione della mobilità a Roma negli anni passati ha stratificato una serie di criticità tra trasporto pubblico locale inadeguato, strategie errate nell’affrontare il problema del traffico e mancanza di visione e determinazione  sull’ampliamento della progettazione della rete della metropolitana. Alla sofferenza del sistema degli autobus con una gestione delle linee incapaci di soddisfare le esigenze della Capitale, si aggiunge e si collega anche la difficile situazione dei taxi. In questo quadro evidentemente Roma non arriva nel migliore dei modi all’appuntamento con il Giubileo. La Capitale paga anche scelte sbagliate della Giunta Raggi, proseguite dalla Giunta Gualtieri, sarebbe quindi necessaria una strategia alternativa che veda il potenziamento del trasporto pubblico locale e con interventi, anche con l’ausilio della tecnologia digitale e con un piano sulle preferenziali per l’aumento della velocità commerciale di bus e taxi, miranti alla riduzione del traffico veicolare privato che vadano oltre la semplicistica visione della città a 30 km orari, limite che va bene in determinate aree come in prossimità di scuole o zone sensibili, ma che sinistra e cinquestelle vorrebbero estendere assurdamente in tutta la città. Fdi ha poi impedito fino ad oggi un provvedimento elitario come la ztl allargata che penalizza soprattutto le fasce sociali più deboli. Crediamo che dare a Roma Capitale  i poteri speciali sara’ un passaggio fondamentale per snellire le procedure necessarie alla realizzazione e alla gestione delle infrastrutture capitoline, e che la collaborazione con Regione e Governo sia uno strumento fondamentale, come dimostra il finanziamento da parte del Governo di due miliardi fino al 2032 per completare la metro C, il lavoro per la stazione Pigneto e quello per la chiusura dell’anello ferroviario attesa da oltre trenta anni e l’impegno della Regione per migliorare e riqualificare la Metromare. Per invertire la tendenza sulla mobilità nella Capitale servono capacità amministrativa, visione strategica e programmi chiari e Fdi ha una idea organica che possa far coesistere i diversi livelli della mobilità urbana e portarli ad un rilancio complessivo”.
Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Andrea De Priamo dal palco di Piazza Italia, la manifestazione della Federazione romana di Fratelli d’Italia.
Condividi