Sanità. Rispediamo al mittente accuse da chi ha tagliato per anni

Sanità. Rispediamo al mittente accuse da chi ha tagliato per anni

“L’intervento del governo Meloni in sanità costituisce un primo significativo passo per l’abbattimento delle liste d’attesa. I provvedimenti varati dal Consiglio dei ministri, che vertono su un centro unico di prenotazione e sul coinvolgimento dei privati accreditati, sono un rimedio per accorciare i tempi tra la richiesta di una visita e l’appuntamento. A chi accusa che si tratterebbe di un involucro vuoto per assenza di finanziamenti, è opportuno rammentare che il governo Meloni, con la legge di Bilancio, è quello che ha investito più soldi per la sanità. È dunque doveroso respingere al mittente le accuse da parte di una sinistra che per anni ha effettuato tagli al sistema sanitario nazionale e che ha dilapidato risorse che sarebbero potute servire per aumentare posti letto, assunzioni e quant’altro. Mi riferisco, in particolare, ai 17 miliardi di truffe al Superbonus, cifra robusta che avrebbe potuto rilanciare il Ssn”.
Lo dichiara in una nota il senatore di Fratelli d’Italia Giovanni Satta, componente della commissione Sanità.
Condividi