Sicurezza, aumentare tutela personale nei pronto soccorso e negli ospedali

Sicurezza, aumentare tutela personale nei pronto soccorso e negli ospedali

“Desta allarme e preoccupazione quanto avvenuto nei giorni scorsi nel reparto di psichiatria dell’Asl a Pisa, lo stesso nel quale, meno di un anno fa, venne uccisa la psichiatra Barbara Capovani. Impressionano le identiche modalità dell’aggressione, anche in questo caso una dottoressa aggredita da una paziente psichiatrica. A scongiurare il peggio, stavolta, è stato solo il tempestivo intervento dei carabinieri. Nell’esprimere piena solidarietà alla dottoressa pisana, ritengo doveroso sollevare l’attenzione sulla tutela dei medici, in alcuni casi abbandonati davvero in prima linea. A farne le spese sono il più delle volte le donne, bersagli facili di violenti e squilibrati, lasciate sole ad affrontare situazioni ad alto rischio. Alla luce di questo ultimo grave episodio, è doveroso che tutte le istituzioni, sia a livello locale che nazionale tengano alta la soglia d’attenzione a tutela di quanti lavorano nei pronto soccorso e negli ospedali”.

Lo dichiara Susanna Donatella Campione, senatrice di FdI, membro della Commissione Giustizia e componente della Commissione bicamerale contro la violenza sulle donne.

Condividi