Sport, strumentale attaccare governo Meloni, non si può rivendicare autonomia e poi chiedere aiuto alla politica  

 

“Sorprendono le parole del presidente del Torino, Umberto Cairo, contro il governo verso il quale rivolge la paradossale accusa di voler ‘far fallire il calcio’. È evidente che non è così e credo che Cairo abbia voluto usare un linguaggio forzato, per far emergere una preoccupazione che attraversa il sistema Calcio in Italia. Viene però naturale chiedersi, come mai se il mondo del calcio rivendica la sua autonomia, al punto da non accettare alcuna critica, poi quando è in difficoltà rivolge i suoi i suoi lamenti verso il governo? Il calcio ‘importante’ ha avuto provvedimenti favorevoli che non sono stati comuni ad altri settori produttivi, anche in questa legislatura. Segno di sensibilità verso un settore che genera entrate per lo Stato e che sta a cuore a milioni di tifosi. La scelta operata dal governo Meloni di sospendere i benefici previsti per le squadre di Calcio per l’acquisto di calciatori stranieri è legittima, morale e giusta; sui riparti del betting (delle scommesse) il discorso è ancora aperto. Piuttosto viene da chiedersi come mai in un settore dove girano enormi interessi e grandi risorse, le squadre di Serie A generano solo debiti e non profitti? Sembra un alibi dare colpa all’esecutivo di turno, ma in realtà le società non sono riuscite a sfruttare bene quelle norme approvate negli anni da una politica fin troppo consenziente. I tempi non consentono più la dispersione di risorse e il Governo Meloni sta dimostrando che si può fare economia spendendo meglio, in settori che poi riescono a sostenersi autonomamente. È chiaro che alcune modifiche vadano, quindi, fatte. Questa potrebbe essere l’occasione avviare un ragionamento più complessivo, cosa che farà sicuramente il ministro Abodi. Anzi, visto che i presidenti di Calcio erano presenti alla riunione convocata in Figc da Gravina, significa che c’è la consapevolezza di una riforma e speriamo anche la determinazione di farla sul serio. Mi auguro che, nell’autonomia che sempre il calcio reclama, riescano a trovare delle soluzioni che possano ribaltare il declino economico e sportivo di questo settore”.

Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia, Paolo Marcheschi, capogruppo in commissione Sport di Palazzo Madama e responsabile del Dipartimento Sport.

Condividi