SUD, SU DECONTRIBUZIONE BOCCIA IMBARAZZANTE

SUD, SU DECONTRIBUZIONE BOCCIA IMBARAZZANTE

“Non so se sia più imbarazzante che il capogruppo del Pd al Senato, Francesco Boccia, dica che la Decontribuzione Sud è ‘una grande conquista del Governo Conte 2’, oppure che non sappia che si tratta di una misura europea che la Commissione UE decise di applicare a favore delle aziende del Sud che facevano più difficoltà a fronteggiare la crisi derivante dal Covid e che poi è stata prorogata per la crisi derivante dalla guerra in Ucraina. Che Boccia, che proprio del Governo Conte 2 faceva parte, dica che è una grande conquista di quel Governo è davvero imbarazzante perché proprio quel Governo presentò in ritardo la richiesta di proroga della misura, che, poi, fortunatamente, solo grazie alla disponibilità della Commissione Europea fu recuperata. Che Boccia, poi chieda al Governo Meloni di far continuare la proroga è ancora più imbarazzante, intanto perché non dipende dal Governo nazionale, essendo una misura unicamente europea e, poi, perché ci sarà o meno un motivo per cui tutti i Governi, precedenti al Governo Meloni, hanno sempre ottenuto solo proroghe semestrali e non sono mai riusciti negli anni a renderla strutturale? E ora perché questo viene chiesto al Governo Meloni? Il Governo sta, invece, facendo quanto di sua competenza, ovvero trovare soluzioni che possano davvero rendere strutturali strumenti importanti come la Decontribuzione Sud”.

 

Lo dichiara il senatore di Fratelli d’Italia Ignazio Zullo.

Condividi