VINO, RAGIONI INFONDATE DELLA COMMISSIONE UE

VINO, RAGIONI INFONDATE DELLA COMMISSIONE UE

“Le ragioni che hanno spinto la Commissione Ue ad avallare la scelta dell’Irlanda di etichettare il vino italiano come pericoloso sono infondate. Non solo non è vero che lo sia, anzi, ma ciò crea un precedente pericoloso perché con questa decisione si tende a criminalizzare uno dei nostri prodotti di eccellenza creando un danno d’immagine inaccettabile. Ad ogni azione corrisponde una reazione e quella dell’Italia sarà ferma e decisa a tutela del nostro made in Italy”.

Lo dichiara la senatrice di Fratelli d’Italia Ester Mieli.

Condividi